In questo articolo vedremo PS5 e XboX Series X a confronto, cercando di capire quale possa essere la più potente tra le due. Prendiamo in esame le specifiche tecniche delle due console.

XboX Series X

La console di casa Microsoft si presenta con un design simile ad un case ITX di un PC, molto bella da vedere. Phil Spencer è stato chiaro a riguardo di Xbox Series X durante l’E3 del 2019: “Vogliamo costruire una piattaforma potente, veloce e dedicata totalmente al gaming; senza barriere e perfettamente facilmente dagli sviluppatori”.

In un recente Benchmark, Gears 5 gira in 4K 60FPS con dettagli ULTRA della versione PC e il 50% di effetti in più su alcune componenti grafiche. Addirittura il multiplayer gira a 100 FPS e potrebbe arrivare addirittura a 120 sempre in 4K con le opportune ottimizzazioni.

Ecco le specifiche tecniche ufficiali:

  • CPU: 8 core Zen 2, 3,8 GHz (3,6 GHz con SMT)
  • GPU: 12 TFLOPS, 52 CU a 1825 MHz, architettura RDNA 2 personalizzata
  • Dimensione del die: 360,45 mm2
  • Processo produttivo: 7nm enhanced di TSMC
  • Memoria: 16 GB GDDR6
  • Larghezza di banda della memoria: 10 GB a 560GB/s, 6 GB a 336 GB/s
  • Spazio d’archiviazione interno: SSD NVMe personalizzato da 1 TB
  • Throughput I/O: 2,4 GB/s (raw), 4,8 GB/s (compresso)
  • Spazio d’archiviazione espandibile: schede d’espansione da 1 TB
  • Spazio d’archiviazione esterno: supporto ad HDD USB 3,2
  • Lettore ottico: Blu-Ray 4K UHD
  • Obiettivo prestazionale: 4K a 60 FPS – fino a 120FPS

Ci sarà il supporto per gli hard-disk esterni USB 3.2, ma questi ultimi supporteranno l’installazione solo di giochi Xbox, Xbox 360, Xbox One e i backup di Series X. La nuova console avrà la possibilità di migliorare la grandezza dell’SSD, introducendo una schedina upgrade in un apposito ingresso proprietario posto nella parte posteriore della console.

CONTROLLER XBOX SERIES X

Per quanto riguarda il nuovo controller, Microsoft ha voluto perfezionare quello già ottimo di Xbox One. I grilletti e i dorsali sono ulteriormente migliorati inserendo delle texture grip e anche il D-PAD è migliorato prendendo ispirazione dall’Elite Series 2.  Infine, è stato introdotto un ingresso USB Type-C per una ricarica più rapida, ma sottolineiamo che il controller utilizzerà ancora pile AA, potrete utilizzare lo stesso controller su Xbox One e PC.

Playstation 5

PS5 è la nuova console next gen di SONY, il suo obiettivo è avere di nuovo il successo della precedente console dominando nuovamente il mercato strizzando l’occhio alle nuove tecnologie.

Ad esprimersi è Jason Schreier che ha condiviso nuovi dettagli sulla filosofia di PS5: secondo il giornalista, la console punta a essere “facile quanto Netflix” da usare. L’obbiettivo di Sony è che un gioco deve essere semplice e gli utenti devono sapere di poter avviare la console e iniziare a giocare in pochi istanti

Ecco le specifiche tecniche ufficiali:

  • CPU: 8x Zen 2 Cores at 3.5GHz
  • GPU: 10.28 TFLOPs, 36 CUs at 2.23GHz (frequenza variabile)
  • Architettura GPU: RDNA 2 personalizzata
  • Memoria: 16GB GDDR6/256-bit
  • Larghezza di banda della memoria: 448GB/s
  • Spazio d’archiviazione interno: Custom 825GB SSD
  • Throughput I/O: 5.5GB/s (Raw), Typical 8-9GB/s (Compresso)
  • Spazio d’archiviazione espandibile: NVMe SSD Slot
  • Spazio d’archiviazione esterno: USB HDD Support
  • Lettore ottico: 4K UHD Blu-ray Drive

PS5 propone 10.28 TFLOPs rispetto ai 12 TFLOPs di Xbox Series X. La vera differenza sembra essere il Throughput I/O che raggiunge i 9 GB/s contro i 4.8 GB/s di Xbox Series X. Inoltre la frequenza di clock di PS5 è variabile, mentre su Xbox Series X è bloccata, un dettaglio che potrebbe fare la differenza.

Cerny spiega infatti che al posto di andare a frequenza costante e fare in modo che la potenza cambia a seconda del carico di lavoro, Sony, per PS5, ha preferito optare per un sistema che “eroga la giusta potenza di elaborazione lasciando che la frequenza variabile della console gestisca i carichi di lavoro in base alle necessità“.

Render della nuova PS5

DUALSENSE

Parliamo ora del nuovo DualSense, il controller di PS5. Propone un feedback aptico, un nuovo tipo di vibrazione molto più preciso e profondo: secondo quanto indicato più volte da Sony, permetterà di percepire azioni come una camminata in mezzo all’erba alta o le gomme di un auto che scivolano sopra il fango.

Sono inoltre presenti due grilletti adattivi, su L2 e R2, che sono programmabili dagli sviluppatori per fare in modo che esercitino una resistenza differente a seconda dell’azione eseguita dal giocare, come ad esempio la tensione della corda di un arco. Confermato anche che è incluso un microfono all’interno del controller, così da poter parlare con gli amici senza dover usare un paio di cuffie.

Anche la forma è cambiata, ora più bombata sui lati, facendo assomigliare il DualSense al controller Xbox e a quello Stadia. Sony abbandona la monocromia del controller di base e opta per una combinazone bianco-nera, questo fa pensare a delle colorazioni personalizzabili.

CONCLUSIONI

Balthazar Auger, capo progettista di giochi della Quantum League, ha affermato che il vantaggio di Xbox Series X sulla potenza della GPU sarà qualcosa di utile specialmente per gli sviluppatori che si occuperanno delle esclusive Xbox. Per gli sviluppi dei giochi multipiattaforma, non cambierà molto perché gli sviluppatori saranno vincolati dall’hardware che possiede le specifiche più basse tra le due console.

“Penso che sarà principalmente importante per i titoli esclusivi Xbox, che potranno essere spremuti per ottenere ogni goccia di succo in più dalla console”, ha detto Auger. “La nuova Xbox Series X potrebbe anche ottenere un ciclo di vita più lungo. Tuttavia, tutti gli sviluppatori che costruiscono titoli multipiattaforma sono vincolati dall’hardware di destinazione con le specifiche più basse, quindi l’unico vantaggio che posso immaginare riguarda framerate più stabili su risoluzioni di fascia più alta per Xbox Series X.

Bisogna considerare che Microsoft ha fissato come obiettivo quello di rilasciare i suoi prossimi giochi sia su Xbox One che su Xbox Series X, passerà del tempo prima che potremo vedere gli sviluppatori sfruttare appieno la potenza delle nuove console.

Non ci resta che aspettare ulteriori informazioni sulle nuove console. Nel frattempo vi auguriamo buon divertimento con i vostri giochi preferiti!