Chrome ha ridotto del 28% i tempi di ricaricamento delle pagine web

Siete curiosi di scoprire come Google sta aumentando sempre di più i tempi di risposta e la velocità di ricaricamento delle pagine Web? Vi spieghiamo un pò meglio tutto in questo articolo.

0

È da poco avvenuto il rilascio dell versione 56 per macOs, Windows e Linux, attraverso il proprio blog ufficiale, Google torna a parlare della vecchia versione 54 di Chrome, a partire dalla quale il proprio browser web ha visto un netto miglioramento dei tempi di ricaricamento delle proprie pagine web, sopratutto sui dispositivi mobile.

Nel momento esatto in cui si procede a ricaricare una pagina internet infatti, il browser avvia un processo di verifica con il server web, che si chiama convalida, il quale consente di individuare se i dati memorizzati nella cache sono ancora utilizzabili o meno. A partire dalla versione 54, questa convalida viene ridotta del 60%, ottimizzando così anche i tempi di ricarica delle pagine di circa il 28%.

Per raggiungere questi risultati, Chrome ora ha un comportamento di ricarica semplificato che convalida la sola risorsa principale, lasciando ricaricare normalmente il resto della pagina. In questo modo, il browser massimizza il riutilizzo delle risorse che sono già memorizzate, riducendo la latenza, i tempi di risposta, il consumo energetico e l’utilizzo della connessione dati.

Se siete interessati vi postiamo un video che mostra i miglioramenti apportati sui tempi di ricarica di una pagina web con l’utilizzo di una connessione lenta su smartphone. Potete trovare questo video cliccando qui.